EARTH SYSTEM E LA CASA IDEALE DEGLI ITALIANI

Un’indagine svolta da Doxa, società di ricerca e analisi di mercato, su iniziativa di Leroy Merlin insieme a Saint-Gobain, in occasione dell’edizione 2017 dell’ Osservatorio sulla Casa, ha gettato le basi per la raccolta di informazioni specifiche riguardanti gli stati abitativi degli italiani.

Oltre alla costituzione di un prezioso database in continuo aggiornamento, sono già emersi alcuni dati interessanti su caratteristiche e preferenze che gli addetti al settore come noi dovranno tenere a mente per gli sviluppi futuri.

I 5 PILASTRI DELLA CASA IDEALE

L’indagine è stata condotta su un campione di 1500 italiani e ha definito 5 pilastri fondamentali, vediamo quali:

  • Attenzione alla salute
  • Comodità del vivere l’abitazione
  • Rispetto dell’ambiente
  • Gestione intelligente ed innovativa
  • Miglioramento del risparmio

Il primo pilastro fa riferimento a due preoccupazioni principali, l’inquinamento dell’aria all’interno dell’abitazione e all’inquinamento acustico; doppi vetri e isolamento di pareti e pavimenti sono soluzioni ancora poco conosciute dalla maggioranza.

Il secondo pilastro definisce il livello di comodità in base ad ulteriori caratteristiche: le caratteristiche del quartiere, la vicinanza rispetto a mezzi pubblici di trasporto e negozi, la capacità della casa di essere modificabile nel corso del tempo in base alle esigenze.

Rispetto all’eco sostenibilità ambientale l’interesse dell’italiano è correlato in primis al miglioramento del proprio benessere; inoltre si è registrata una percentuale d’insoddisfazione rispetto ai materiali utilizzati per la costruzione delle abitazioni.

L’introduzione delle nuove tecnologie risulta non ancora fortemente radicata ma comunque apprezzata e ricercata, soprattutto per le opzioni di monitoraggio della casa a distanza.

Il miglioramento del risparmio energetico invece è una questione particolarmente rilevante, ma non il primo fattore considerato, per via della scarsa conoscenza delle soluzioni adottabili; in questo senso c’è ancora un percorso di sensibilizzazione intensa da fare.

Dunque un’indagine che misura con precisione convergenze e discrepanze su cui lavorare per andare nella direzione della Casa Ideale; di maggior interesse per gli italiani coinvolti nell’indagine sono i lavori di ristrutturazione e manutenzione, i rischi sismici e le detrazioni fiscali.

 

È ORA DI CAMBIARE ARIA!

Questa indagine ci offre tanti ottimi spunti di indagine e riflessione, che ci preparano a partecipare all’evento Aria – la casa consapevole con maggior sensibilità verso quelle che sono le esigenze più forti degli italiani e la direzione che andrà presa per crescere e migliorare sempre più.

Secondo la filosofia di Aria la  cultura dell’abitare è fatta di Arredo, Recupero, Innovazione, Architettura, ma precisiamo noi che è fatta in primis dell’ ascolto della voce delle persone, delle vostre priorità, e dello sviluppo di soluzioni innovative che le soddisfino concretamente.

È quasi giunto il momento di cambiare aria, il cambiamento dell’azienda termica siamo noi e voi insieme, per questo vi invitiamo a partecipare all’evento per incontrarci e confrontarci, vi aspettiamo!

 

ARIA LA CASA CONSAPEVOLE
“RESPIRA NUOVI SPAZI”
Arredo, Recupero, Innovazione, Architettura
A Fano dal 15 al 17 settembre 2017

Fonti di approfondimento
https://osservatoriosullacasa.it/
http://www.doxa.it/osservatorio-casa-2017-doxa-leroy-merlin/
http://www.aria.casa/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *