Giornata Mondiale del Riciclo - Earth System Fano

Giornata mondiale del riciclo: cosa possiamo fare per il pianeta mentre siamo a casa

Giornata Mondiale del Riciclo - Earth System Fano

18 marzo, celebriamo il Global Recycling Day!

La Giornata Mondiale del Riciclo è un’iniziativa istituita tre anni fa dalla Global Recycling Foundation, un movimento nato con l’obiettivo di sensibilizzare il mondo ad impegnarsi perché si adottino delle buone pratiche e delle strategie per il recupero dei materiali e dei beni di consumo.

Il Global Recycling Day, che si celebra ogni anno il 18 marzo, ha quest’anno un’importanza e un significato molto particolare a causa dell’emergenza Covid-19 che sta investendo gran parte dell’Europa e altre zone del pianeta Terra.

Il riciclo ai tempi del Coronavirus

Le restrizioni alla libera circolazione, la chiusura di locali e luoghi pubblici e il senso civico comune ci impongono di rimanere per lunghi periodi in casa. Di conseguenza, trascorrendo in famiglia molto più tempo del normale, si tende a produrre una quantità maggiore di rifiuti e materiali di scarto.

Essere attenti, ed effettuare una corretta e scrupolosa raccolta differenziata diventa ancor più necessario al fine di tutelare l’ambiente e semplificare le attività degli operatori ecologici del nostro territorio.

In questo periodo inoltre, con la serrata dei negozi e l’invito a restare a casa, sono aumentati di molto anche gli acquisti on-line e di conseguenza anche la quantità di carta, cartone, plastica e imballaggi che entrano nelle nostre case attraverso i pacchi che i corrieri  recapitano direttamente a domicilio.

Per comprendere quanto sia importante la pratica del riciclo nella complessa lotta alla tutela dellʼambiente, la Global Recycling Foundation ha definito i materiali riciclati come “settima risorsa” che si va ad aggiungere a quelle già conosciute, ovvero i minerali, l’acqua, l’aria, il gas naturale, il petrolio e il carbone.

Rifiuti: una nuova fonte di energia sostenibile

Giornata Mondiale del Riciclo - Rifiuti una nuova fonte di energia - Earth System Fano

Il concetto di “waste to fuel”, ovvero il processo attraverso il quale è possibile produrre biocarburanti partendo dagli scarti alimentari e da una parte dei rifiuti organici domestici è già realtà ed è quindi importante valorizzare i nostri scarti e rifiuti.

In questo campo il nostro paese è all’avanguardia in quanto il primo impianto di questo genere è stato progettato, sviluppato e brevettato in Italia al Centro di Ricerca per le Energie Rinnovabili e l’Ambiente di Novara.

Quindi, come possiamo in questo momento così delicato fare la nostra parte e celebrare  questa importante giornata di sensibilizzazione?
Vediamo alcune buone pratiche per smaltire le tipologie di materiali più comuni:

Come smaltire la plastica

Innanzitutto cercando di utilizzare il meno possibile oggetti in plastica monouso. Anche se la plastica è uno dei materiali che più si presta ad essere riciclato, meno ne consumiamo e meglio è.
La plastica nelle sue varie forme e tipologie, ovvero dagli involucri alimentari trasparenti, alle buste, flaconi e bottigliette può essere riciclata. Per farlo è però importante togliere ricordarsi di separare sempre etichette di carta se presenti e comprimerle in caso si tratti di contenitori vuoti come ad esempio le bottiglie così da ridurne il volume, facilitarne il trasporto e lo smaltimento. Una buona pratica è anche quella di risciacquare i contenitori prima di gettarli perché possono contenere materiali di vario tipo (ad esempio materia organica).

Come smaltire il vetro

Il vetro ha una capacità di riciclo molto alta ed è per questo che è estremamente importante conservarlo per poi smaltirlo correttamente. Inoltre il vetro si presta anche al riutilizzo che è sempre la pratica migliore ai fini della sostenibilità ambientale. Come la plastica anche il vetro va smaltito eliminando etichette, eventuali tappi di altri materiali ed eventuali residui al suo interno in caso di bottiglie o contenitori alimentari.

Come smaltire carta e cartone

Come dicevamo, soprattutto in questo periodo di quarantena, entra una grande quantità di questi materiali in casa a causa delle consegne a domicilio dovute anche agli acquisti on-line. Una cosa molto importante, prima di gettare nel cassonetto gli imballaggi, è eliminare i nastri adesivi e le etichette di materiale plastico che possono essere state incollate dagli spedizionieri nei pacchi. Per quanto riguarda le carte “sporche” come ad esempio quelle utilizzate per cucinare, devono per forza essere smaltite insieme all’indifferenziato (chiamato anche “secco”). Anche per scontrini e altre tipologie di carte termiche dovrebbe essere evitato di gettare con carta e cartone in quanto possono creare dei problemi al processo di smaltimento.

In conclusione

Raccontaci la tua esperienza, anche tu fai già una corretta raccolta differenziata? Se hai consigli da dare o buone pratiche da seguire raccontalo sulla nostra pagina facebook, oppure lascia un commento qui sotto.

Buona giornata del riciclo a tutti dal team Earth System!

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *